folignonline
Edizione del 17 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 16:06:27
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Politica, 23 Dicembre 2017 alle 19:34:30

Sede Vus, Filipponi: 'Quella palazzina i folignati l'hanno pagata 4 volte'

La capogruppo di Impegno Civile: 'La prima volta all'Umbria Gas, la seconda quando venne creata l'Asm, quindi quando negli anni '90 le palazzine furono ristrutturate ed ampliate e venne creata l'azienda speciale, la quarta oggi'

"E' recente la notizia che la VUS spa ha acquistato il complesso immobiliare sito in Foligno, via IV Novembre, dove ha la sede dipartimentale. Naturalmente ha usato il denaro proveniente dalle tariffe, ovvero dagli utenti. Ma quante volte i cittadini hanno acquistato e, quindi, pagato quegli immobili? Almeno 4 volte". Inizia così l'intervento di Stefania Filipponi di Impegno civile parlando della sede della Vus in via IV Novembre.


"Una prima volta all'Umbria Gas, che gestiva il gas di città ed era proprietaria del bene - dice Filipponi - 
Una seconda volta nel 1975 quando furono riscattati, a pagamento, i servizi acqua (dalla soc. CREA di Torino) e gas (dalla soc. Umbria Gas) e creata l'ASM; il relativo mutuo fu ripagato sempre con le tariffe".


"Una terza volta negli anni '90 quando le palazzine furono ristrutturate ed ampliate, ancora con spesa a carico degli utenti. Sempre alla fine degli anni '90, al momento della trasformazione dell' ASM in azienda Speciale consortile, i fabbricati non furono assegnati, come capitale di dotazione, alla stessa azienda speciale, ma restarono in proprietà del Comune che, nel 2005, per ripianare le perdite degli esercizi 2003/2004/2005 della FILS, ha conferito l'immobile, al 60,60%, per ricostituire il capitale sociale della partecipata, attualmente in liquidazione. Una quarta volta oggi".


"E' così che vengono (impropriamente) utilizzate le tariffe, che dovrebbero essere impiegate per migliorare i servizi di acqua, gas e igiene urbana.
E poi, gli amministratori locali, che dilapidano il patrimonio pubblico per pagare debiti causati dalla loro mala gestio, continuano a "lamentarsi e piangere" che non ci sono risorse per evitare emergenze idriche, migliorare la raccolta dei rifiuti, per realizzare opere e infrastrutture a beneficio della città.
Nessuno si indigna, nessuno protesta, tutto tace avvolto nelle nebbie di un sistema pervasivo, che tutela solo gli interessi di pochi".


"Auguri Foligno, per un futuro di cambiamento, che apra nuove prospettive e riesca a ridare, alla terza città dell'Umbria, identità, dignità e orgoglio"


 


 

Trattoliva Ristorante // Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Sicaf
Principe
Vus Com